clear

ARTIST EDITION

L’arte entra nel cassetto più intimo del guardaroba e si diverte a creare fantasie esclusive per l’underwear maschile. Nascono così le “capsule collection” firmate da artisti e designer che trasformano un semplice capo di biancheria in un pezzo unico.

UGO NESPOLO

Spring Summer 2020
Scopri tutti

Ugo Nespolo nasce a Mosso (BI), si diploma all’Accademia Albertina di Belle Arti a Torino e si Laurea in Lettere Moderne.
La sua arte è strettamente legata al vivere quotidiano e carica di apporti concettuali: “non si può fare arte senza riflettere sull’arte”. L’oggetto è al centro delle sue ricerche, è mezzo espressivo, linguaggio creativo; viene estrapolato dal suo uso comune ed acquista valore di opera d’arte.
Allo stesso modo non dimentica il passato, lo rivisita, lo reinterpreta, lo rende attuale attraverso la citazione e la rievocazione, dandogli nuova vita, rendendolo spunto di riflessione.
Biografia
Nei Anni Sessanta l'Artista Nespolo fa parte della Galleria Schwarz di Milano che conta tra i suoi artisti Duchamp, Picabia, Schwitters, Arman. La sua prima mostra milanese, presentata da Pierre Restany, dal titolo “Macchine e Oggetti Condizionali” rappresenta il clima e le innovazioni del gruppo che Germano Celant chiamerà Arte Povera. Continua a leggere

Continua Biografia
Negli Anni Sessanta si trasferisce a New York dove si lascia travolgere dalla vita cosmopolita della metropoli e subisce il fascino della nascente Pop Art, mentre negli Anni Settanta milita negli ambienti concettuali e poveristi.
Nel 1967 è pioniere del Cinema Sperimentale Italiano a seguito dell’incontro con Jonas Mekas, P. Adams Sitney, Andy Warhol, Yōko Ono, sulla scia del New American Cinema. Assieme a Mario Schifano, Nespolo si dedica al Cinema d’Avanguardia e realizza numerosi film che hanno come protagonisti gli amici e colleghi Enrico Baj, Michelangelo Pistoletto e Lucio Fontana. I suoi film sono stati proiettati e discussi in importanti musei tra i quali il Centre Pompidou a Parigi, la Tate Modern a Londra, la Biennale di Venezia. Assieme a Enrico Baj Nespolo fonda L’Istituto Patafisico Ticinese ed è, ad oggi, riconosciuto come una delle più alte autorità nel campo. Nonostante le contaminazioni americane non dimentica gli insegnamenti delle Avanguardie europee; è infatti molto marcata l’influenza di Fortunato Depero dal quale Nespolo trae il concetto di un’arte ludica che pervade ogni aspetto della vita quotidiana. Il concetto di arte e vita (che è anche il titolo di un libro pubblicato dall’artista nel 1998) sta alla base dell’espressività di Nespolo ed è eredità del Movimento Futurista: “Manifesto per la Ricostruzione Futurista dell’Universo” (1915).
Da qui anche il suo interesse per il design, l’arte applicata e la sperimentazione creativa in disparati ambiti quali la grafica pubblicitaria, l’illustrazione, l’abbigliamento, scenografie e costumi di opere liriche.
Sicuro che la figura dell’artista non possa non essere quella di un intellettuale, studia e scrive con assiduità dei fatti e delle discipline che han da fare con l’estetica e il sistema dell’arte.
Nel Gennaio 2019 l’Università di Torino gli conferisce la Laurea Honoris Causa in Filosofia.

Nando Crippa

Spring Summer 2020
Scopri tutti

Modellare la terra per dar forma a figure è il gesto più presuntuoso che un uomo possa compiere. Credo sia proprio in questo gesto che si arriva davvero a comprendere perché nel vocabolario dell’arte è così importante la parola creazione. Il lavoro di Nando Crippa è il processo di sedimentazione di un immaginario collettivo che è passato attraverso le vergini di Willendorf o di Brassempouy, ma che si è anche caricato di un’iconografia della modernità che ritroviamo nelle pubblicità delle vecchie riviste. Le sue figure sono quasi sempre anche archetipi: le donne sono un po’ Eva e un po’ Penelope, ma non riescono a trovare fra le figure maschili i loro Adamo o i loro Ulisse. Non c’è, nei personaggi di questo artista, la follia di Don Chisciotte a sorreggere l’azione; sono passeggeri fermi alla stazione, che non salgono su nessun treno solo perché hanno dimenticato la loro destinazione (il loro destino). In loro c’è sempre una specie di enigma da penetrare, che non è l’esercizio intellettuale o ermetico (forse alchemico?) della Melancholia di Dürer, ma piuttosto quello metafisico o esistenziale, come nel De Chirico di Enigma dell’arrivo e della sera. Stanno al margine di una scacchiera vuota (abbandonata?) e hanno dimenticato le regole del gioco. O forse devono ancora inventarle.

Cracking Art

Spring Summer 2019

Il movimento Cracking Art nasce nel 1993: l'intenzione è quella di cambiare radicalmente la storia dell'arte attraverso un forte impegno sociale e ambientale che unito all'utilizzo rivoluzionario dei materiali plastici mette in evidenza il rapporto sempre più stretto tra vita naturale e realtà artificiale. La dimensione corale del gruppo non limita l'espressione individuale delle singole voci: gli artisti lavorano anche in modo indipendente interpretando, ciascuno secondo le proprie esigenze, le problematiche e le tensioni del nostro tempo.

Chiara Del Maso

Fall Winter 2018-19

Chiara Dal Maso nasce a Thiene (VI) nel 1989. Da sempre ama creare immagini e sperimentare. Frequenta l’Istituto d’arte a Nove e successivamente Scuola Italiana Design a Padova. Conclusi gli studi intraprende diverse esperienze lavorative in Canada, Danimarca e Svezia, per poi trasferirsi a Milano dove da 4 anni vive e lavora come illustratrice e graphic designer. Nel 2016 fonda SuperUltraBlu per cimentarsi anche con video arte e motion design. Nel 2017 dà vita assieme agli amici disegnatori al collettivo Drinchendrò, con il quale organizza workshop ed eventi a tema illustrazione, principalmente a Milano. Inizia inoltre il progetto annuale “Everyday Distraction” (un disegno al giorno per un anno) con il quale realizza la sua prima mostra personale a Bologna, in occasione di Bilbolbul Festival. Ha collaborato con realtà come MiAmi Festival e AMA Music Festival. I suoi lavori sono stati pubblicati da molti siti e riviste tra cui It’s Nice That, So Young Magazine, PELO Magazine, Volve.

Nando Crippa

Fall Winter 2017-18

Modellare la terra per dar forma a figure è il gesto più presuntuoso che un uomo possa compiere. Credo sia proprio in questo gesto che si arriva davvero a comprendere perché nel vocabolario dell’arte è così importante la parola creazione. Il lavoro di Nando Crippa è il processo di sedimentazione di un immaginario collettivo che è passato attraverso le vergini di Willendorf o di Brassempouy, ma che si è anche caricato di un’iconografia della modernità che ritroviamo nelle pubblicità delle vecchie riviste. Le sue figure sono quasi sempre anche archetipi: le donne sono un po’ Eva e un po’ Penelope, ma non riescono a trovare fra le figure maschili i loro Adamo o i loro Ulisse. Non c’è, nei personaggi di questo artista, la follia di Don Chisciotte a sorreggere l’azione; sono passeggeri fermi alla stazione, che non salgono su nessun treno solo perché hanno dimenticato la loro destinazione (il loro destino). In loro c’è sempre una specie di enigma da penetrare, che non è l’esercizio intellettuale o ermetico (forse alchemico?) della Melancholia di Dürer, ma piuttosto quello metafisico o esistenziale, come nel De Chirico di Enigma dell’arrivo e della sera. Stanno al margine di una scacchiera vuota (abbandonata?) e hanno dimenticato le regole del gioco. O forse devono ancora inventarle.


Sonia Beriotto

Spring Summer 2017

Tatuatrice specializzata in tatuaggi tradizionali. Lavora presso il “Ladies&Gentlemen Tattoo Shop” di Vicenza. Julipet per San Valentino propone una capsule ispirata al mondo dei tatuaggi “traditional”: uno stile unico e riconoscibile con la collaborazione dell’artista. La proposta si articola intorno a capi homewear che coniugano stile e comfort. Una tuta girocollo con pantalone in contrasto blu, una felpa con cappuccio avvolgente e un pantalone jogging scelgono una personalizzazione fortemente caratterizzata e dall’alto contenuto moda. Completa l’offerta un boxer in popeline bianco arricchito da un cuore fiammeggiante per una romantica idea regalo pensata appositamente per la festa degli innamorati. Gli iconici tatuaggi sono stati disegnati dall’abile mano di Sonia Beriotto, rinomata tatuatrice vicentina.

Nando Crippa

Spring Summer 2017

Modellare la terra per dar forma a figure è il gesto più presuntuoso che un uomo possa compiere. Credo sia proprio in questo gesto che si arriva davvero a comprendere perché nel vocabolario dell’arte è così importante la parola creazione. Il lavoro di Nando Crippa è il processo di sedimentazione di un immaginario collettivo che è passato attraverso le vergini di Willendorf o di Brassempouy, ma che si è anche caricato di un’iconografia della modernità che ritroviamo nelle pubblicità delle vecchie riviste. Le sue figure sono quasi sempre anche archetipi: le donne sono un po’ Eva e un po’ Penelope, ma non riescono a trovare fra le figure maschili i loro Adamo o i loro Ulisse. Non c’è, nei personaggi di questo artista, la follia di Don Chisciotte a sorreggere l’azione; sono passeggeri fermi alla stazione, che non salgono su nessun treno solo perché hanno dimenticato la loro destinazione (il loro destino). In loro c’è sempre una specie di enigma da penetrare, che non è l’esercizio intellettuale o ermetico (forse alchemico?) della Melancholia di Dürer, ma piuttosto quello metafisico o esistenziale, come nel De Chirico di Enigma dell’arrivo e della sera. Stanno al margine di una scacchiera vuota (abbandonata?) e hanno dimenticato le regole del gioco. O forse devono ancora inventarle.

Please wait...
close

I capi personalizzati verranno consegnati dal 10.09. Grazie per la comprensione

Non ci sono più articoli nel tuo carrello
0 articoli 0,00 €
Spedizione Gratis

Approfitta delle nostre offerte esclusive:

  • - Mascherine Omaggio
  • conf - Confezione regalo

Totale 0,00 €

Spedizione gratis se spendi ancora 50,00 €